Torna agli Artisti    Chiudi

Lando Landini

Biografia:

Nasce nella periferia di Pistoia nel 1925 e all'etą di otto anni si stabilisce con la famiglia nel sud della Francia, dove entra in contatto con la cultura laica francese. Di ritorno a Pistoia, nel 1939, frequenta il liceo ginnasio e, in seguito, lo studio del pittore pistoiese Umberto Mariotti. Nel dopoguerra entra in contatto con i maestri della scuola pistoiese, e sopratutto con Cappellini, con il quale condivide la scelta del realismo, abbracciato con fervore ideologico. A fianco di Cappellini, nel 1945, espone per la prima volta i propri dipinti alla galleria La Porta, riscontrando un buon consenso. Dal 1947 aderisce al Partito Comunista e inizia una personale eleborazione del realismo socialista mediato dalla lezione di Matisse, impostando la propria ricerca in un senso pił cromatico della forma intesa come superficie luminosa e segno. Nel 1950 si laurea con Roberto Longhi alla facoltą di Lettere a Firenze. Si trasferisce quindi a Parigi, dove diviene collaboratore della rivista "Paragone". A questo periodo francese, tra il 1951 e il 1956, risalgono articoli su Picasso, Villon, i Cubisti, Dufy. Grazie a Roberto Longhi entra in contatto a Roma con Trombadori e Gottuso che nel 1955 presenterą la sua personale alla galleria d'arte il Pincio. Nel 1956 lascia Parigi e decide di dedicarsi completamente alla pittura abbandonando l'attivitą di ciritco d'arte. Le opere di questo periodo, si volgono a una forma di astrattatismo non figurativo ed emozionale e mostrano grande vicinanza ideologica con l'attivitą di De Stael. Frequenti sono gli spostamenti: a Barcellona per il Ministero della Pubblica istruzione dal 1969 al 1972, a Lione nel 1978, i viaggi tra l'Italia e Parigi. Nelle opere degli anni ottanta-novanta la pittura diviene di nuovo forma, luce, colore e l'apporto della memoria diviene centrale nella prassi pittorica. (Notizie tratte da "Arte del Novecento a Pistoia, ed. da Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia Spa, 2007)
   
Immagine Opera

Figura
Immagine Opera
1950 circa
Figure in un interno